186_Forza alla giustizia sottoposta.jpg19-Bambini-aquilone.jpg21-Arcobaleno3.jpg5b-giustizia-aequam.jpga_regione2.jpgdea_giustizia1.jpggiustizia-dea-638x425.jpggiustizia-toghe.jpggiustizia.jpggiustizia99.jpgla_legge_uguale2.jpgmatite.jpgpal-giustizia-36.jpgprocura_repubblica.jpgregione3.jpgsostegno-39-1440x450.jpgy_regione.jpg

L' Associazione Tutori Volontari ODV...in breve

Iscritta nel Registro del volontariato della Regione Piemonte con determinazione 20 ottobre 1998 n. 391/30.4 e nel Registro delle associazioni del Comune di Torino con deliberazione di Giunta 19 maggio 1998 n. 9803147/01 (Cod. Fiscale 97579290012)

Costituita il 27 gennaio 1998, l'Associazione ha lo scopo di formare volontari per l'assunzione della tutela di persone interdette, ed in alcuni casi anche l'amministrazione di sostegno.

Ci si rivolge in genere a persone interdette ricoverate, generalmente non abbienti e senza familiari disponibili (o capaci) ad assumersi la tutela.

I tutori dell'associazione, adeguatamente preparati attraverso corsi di formazione, intendono vigilare sugli interventi compiuti dagli enti preposti alla salute, all'assistenza, ecc. affinché siano rispondenti ai bisogni delle persone tutelate (si ricorda che i volontari non hanno obbligo di fornire prestazioni dirette). Pertanto, assieme all'amministrazione dei beni del tutelato, i soci intendono principalmente curare e difendere i diritti e gli interessi della persona.

La sede dell'associazione è in Via Artisti, 36 - 10124 Torino.
Telefono: 011.812.44.69 (al pomeriggio)
fax 011.812.25.95
e-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

* * * 

Regolamento dell’Associazione tutori volontari

1) L'attività di tutela dei soci dell'associazione è rivolta primariamente verso handicappati intellettivi gravi, anziani incapaci di autotutelarsi per motivi psico-fisici, ricoverati in istituti di assistenza o comunità alloggio e che non hanno parenti disponibili o capaci ad assumersi la tutela o l’amministrazione di sostegno.

2) Considerato che l'attività di tutore esercitata in maniera adeguata comporta un impegno di una certa rilevanza, è stabilito che ciascun socio possa assumere al massimo una tutela ed una protutela (o amministrazione di sostegno). In casi eccezionali e temporanei è ammessa l'assunzione di due tutele. 

3) Gli incontri del direttivo si tengono mediamente una volta al mese, nel corso dei quali sono invitati a partecipare tutti i soci.

4) L'Associazione, al fine di mantenere un'efficace azione di coordinamento e di conoscenza tra i propri aderenti, fissa in venti il numero massimo di soci. 
Oltre tale numero occorrerà dar vita ad un'altra associazione che si svilupperà analogamente, secondo i principi stabiliti dallo Statuto.
Questa nuova associazione sarà costituita preferibilmente da soci vicini territorialmente. 
Raggiunta poi nuovamente la completezza numerica (20 soci) si continuerà allo stesso modo, rispettando così l'art. 6 dello Statuto che recita: "Il numero di soci è illimitato".

5) Per l'ammissione di un nuovo aderente, che avviene generalmente su presentazione di un socio, è necessaria la compilazione di un prospetto riportando alcuni dati personali ed una dichiarazione di consenso al trattamento degli stessi ai sensi della legge sulla privacy.

6) La quota di iscrizione è pari a 30 Euro.  Importi aggiuntivi sono possibili a titolo di elargizione.

7) Il nuovo socio al momento dell'iscrizione riceve, assieme alla tessera dell'Associazione, il presente documento.

8) Il socio ha l'obbligo di frequentare i corsi di formazione proposti dall'Associazione. L'Associazione prevede in via generale di effettuare ogni due o tre anni un corso di formazione di base o di aggiornamento.

9) L'Associazione Tutori Volontari aderisce al Csa - Coordinamento sanità assistenza tra i movimenti di base di Torino. 

10) Le variazioni al presente regolamento interno sono deliberate dall’Assemblea dei soci (cfr. art. 10 dello Statuto).

Torino, 18 febbraio 2014

Joomla templates by a4joomla