186_Forza alla giustizia sottoposta.jpg19-Bambini-aquilone.jpg21-Arcobaleno3.jpg5b-giustizia-aequam.jpga_regione2.jpgdea_giustizia1.jpggiustizia-dea-638x425.jpggiustizia-toghe.jpggiustizia.jpggiustizia99.jpgla_legge_uguale2.jpgmatite.jpgpal-giustizia-36.jpgprocura_repubblica.jpgregione3.jpgsostegno-39-1440x450.jpgy_regione.jpg

Gestione tutele - Asl Torino

COMUNICATO  - Torino, 29 dicembre 2017

 

 

 

 

Oggetto: Gestione tutele - Asl Torino

In relazione alle indagini e ai presunti furti di operatori dell'Ufficio tutela dell’Asl Torino a danno di utenti con gravissime disabilità/malattie interdetti, nello stigmatizzare la vicenda e chiedere al più presto giustizia per i danni inferti ai tutelati, persone incapaci di autodifendersi, evidenziamo la necessità  di intervenire con adeguati provvedimenti per superare, per le centinaia di tutele ancora oggi in carico ad istituzioni pubbliche, il conflittuale compito di erogare le prestazioni terapeutiche e nello stesso tempo di vigilare sulla stesse.

Abbiamo cercato di dare impulso negli anni alla possibilità dell’adozione di tutele da parte di soggetti istituzionali terzi (es. le Province) rispetto al ruolo di gestore delle funzioni socio-assistenziali proprio del Comune/Consorzio, anche promuovendo adeguate modifiche normative (v. legge regionale del Piemonte n. 5/2001), pur tuttavia senza riuscire definitivamente nell’intento.

Condividiamo l’importanza della figura del tutore volontario, anziché l’affidamento di tale funzione ad una Istituzione, che il  codice civile del 1942 prevede ancora oggi, purtroppo, che possa essere il Comune o la struttura in cui l’interdetto è ricoverato, con conseguente negativo conflitto di interessi.

In proposito abbiamo apprezzato l’istituzione dell’Albo per tutori volontari a favore di minori stranieri non accompagnati, del relativo corso di formazione per gli aspiranti tutori, nonché l’ampia e diffusa pubblicità fornita a questa iniziativa a seguito della legge 47/2017.

Ma la figura del tutore volontario, adeguatamene formato, è fondamentale non solo nei riguardi dei minori stranieri non accompagnati, bensì anche degli adulti/anziani interdetti (soggetti non autosufficienti a seguito per es. di malattia cronica o di disabilità invalidante), che non hanno familiari disponibili, o capaci, ad esercitare il ruolo di tutore.

Per tali motivi a nostro avviso occorrerebbe assumere iniziative pubbliche di promozione e formazione per affidare a volontari idonei anche la tutela di persone adulte/anziane interdette e nello stesso tempo evitare di assegnare le tutele a istituzioni in palese conflitto di interesse.

Associazione tutori volontari

Allegati:
Scarica questo file (2017_12_14_Ruba soldi delle tutele ASL Torino.pdf)Asl Torino Gestione tutele 1[La Stampa]843 kB
Scarica questo file (2017_12_27_MSNA tutori top piemonte.pdf)Tutore volontario per MSNA[La Stampa]1292 kB
Scarica questo file (2017_12_27_Tutori AslTo ladri immobili rubati.pdf)Asl Torino Gestione tutele 2[La Stampa]1176 kB
Scarica questo file (2017_12_29_Tutori AslTo ladri Associazioni insorgono.pdf)Asl Torino Gestione tutele 3[La Stampa]1214 kB
Joomla templates by a4joomla