186_Forza alla giustizia sottoposta.jpg19-Bambini-aquilone.jpg21-Arcobaleno3.jpg5b-giustizia-aequam.jpga_regione2.jpgdea_giustizia1.jpggiustizia-dea-638x425.jpggiustizia-toghe.jpggiustizia.jpggiustizia99.jpgla_legge_uguale2.jpgmatite.jpgpal-giustizia-36.jpgprocura_repubblica.jpgregione3.jpgsostegno-39-1440x450.jpgy_regione.jpg

ISEE - Novità 2017

Isee

IL NUOVO ISEE E' IN VIGORE DAL 1° GENNAIO 2015, MA... 

Difatti con decreto del 7 novembre 2014 è stato approvato il "Modello tipo della Dichiarazione Sostitutiva Unica a fini ISEE, dell'attestazione, nonche' delle relative istruzioni per la compilazione ai sensi dell'articolo 10, comma 3, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159" (GU n.267 del 17-11-2014 - Suppl. Ordinario n. 87).

Informiamo però che in data 25 marzo 2014 le associazioni Aps e Utim (aderenti al Csa di Torino) hanno presentato ricorso al Tar (v. Comunicato stampa). Il Tribunale amministrativo nell’udienza per la sospensiva del provvedimento che si è svolta a Roma il 14 maggio 2014, ha disposto di affrontare la questione nel merito, fissando l’udienza al 19 novembre 2014.

La sentenza di merito del Tar del Lazio n. 2458 dell'11 febbraio 2015 (allegata qui sotto) ha annullato  l'articolo 4, comma 2, lettera f) del Dpcm 159/2013, dove era previsto che “Il reddito di ciascun componente il nucleo familiare è ottenuto sommando le seguenti componenti…f) trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, incluse carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche, laddove non siano già inclusi nel reddito complessivo di cui alla lettera a);”, vale a dire nel reddito complessivo IRPEF.

Non avendo però il Tar del Lazio accolto tutta una serie di rilievi posti dalle sopracitate due associazioni ricorrenti (tra cui l'illegittima considerazione nell’Isee dei figli, anche non conviventi, per determinare la situazione economica -  e quindi la  capacità di contribuire alla retta alberghiera - dell’anziano malato cronico non autosufficiente ricoverato in struttura) il 15 giugno 2015 è stato presentato dall’Utim e dall’Aps ricorso al Consiglio di Stato la cui udienza è stata fissata il 3 dicembre 2015. 

In data 29 febbraio 2016 il Consiglio di Stato con la sentenza 838/2016 ha sostanzialmente confermato le disposizioni della sentenza del Tar del Lazio n. 2458 (in breve, l'indennità di accompagnamento non deve essere considerata nell'Isee).

NOVITA' 2016

In recepimento della sentenza del Consiglio di Stato, con la legge 89/2016 di conversione, con modificazioni, del decreto legge 42/2016 (entrata in vigore il 29 maggio), l'Isee è stato modificato, prevedendo  l’esclusione dal reddito disponibile «dei trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, comprese le carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche in ragione della condizione di disabilità». Inoltre sono  state eliminate le franchigie attuali ed è stata applicata la maggiorazione dello 0,5 al parametro della scala di equivalenza, per ogni componente con disabilità media, grave o non autosufficiente. Tale norma, che deve essere recepita entro il 28 giugno 2016 dai Comuni, è transitoria, in attesa del nuovo regolamento Isee che dovrà uscire dalla revisione complessiva del Dpcm 159.

***

A livello regionale informiamo inoltre che il 15 gen 2015 è stata pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Piemonte la Dgr 10-881 sulle linee guida per la gestione transitoria del nuovo Isee (vedi in allegato). Con altra Dgr (pubblicata sul BU il 30/07/2015) del 27 luglio 2015, n. 18-1899 "Proroga linee guida per la gestione transitoria dell'applicazione della normativa I.S.E.E. di cui al D.P.C.M. 5 dicembre 2013, n. 159" la Regione Piemonte ha prorogato il periodo transitorio previsto dalla Dgr. n. 10-881  fino al 30 settembre 2015. Con successiva Dgr (16-2186 del 5 ottobre 2015) ha ulteriormente prorogato il periodo sino al 31 dicembre 2015. 
Con altra Delibera (n. 19-3087) la Regione Piemonte ha ulteriormente prorogato il periodo transitorio previsto dalla Dgr 10-881 fino al 31 dicembre 2016. 
Con ulteriore Delibera (n. 35-4509) la Regione Piemonte ha ulteriormente prorogato il periodo transitorio previsto dalla Dgr 10-881 fino al 31 dicembre 2017.

Allegati:
Scarica questo file (2014_12_22_Circolare INPS su ISEE.pdf)Circolare 171 INPS 18dic2014[Circolare esplicativa sul Dpcm 159/2014 sull'ISEE]91 kB
Scarica questo file (2015_02_12_Sent_2458_Tar Lazio ISEE utim.pdf)11 feb 2015 - 2458 Tar Lazio[Sentenza n. 2458/2015 del Tar Lazio]253 kB
Scarica questo file (2015_12_decretoNUOVA_DSU2016.pdf)Nuova DSU[Nuova modulistica dal gennaio 2016]1194 kB
Scarica questo file (2016_02_29_CdS_SENTENZA 838 ISEE  utim.pdf)CdS 838-2016[Sentenza del Consiglio di Stato]231 kB
Scarica questo file (dgr_00881_070_12012015.pdf)Dgr 10-881 12gen2015[Piemonte - La gestione transitoria del nuovo Isee]23 kB
Scarica questo file (_dpcm isee_2 dic 2013xla_firma.pdf)Nuovo ISEE - Dpcm 159/2013[Indicatore della situazione economica equivalente]142 kB
Joomla templates by a4joomla